ma anche sì

la precarietà è insita anche nel linguaggio.

e se dire un linguaggio, direbbe wittgenstein, è dire un mondo, dire un mondo è dire questo mondo.

ma anche no